Pac-Maps: c’è Pac-Man in città!

Consiglialo ai tuoi amici!

 

Scappare da un’orda di fantasmi tra le strade delle nostre città? No, non sto parlando della trama di un videogame in chiave horror ma dell’ultima trovata di Google: Pac-Man all’interno di Google Maps! L’azienda di Mountain View ci ha da sempre abituati a bizzarrie simpatiche come homepages a tema, easter eggs nascosti nelle ricerche o ancora il goffo dinosauro che ci intrattiene saltellando se abbiamo problemi di connessione con Google Chrome. Questo legame, però, non è del tutto nuovo: come alcuni di voi ricorderanno, nel 2010 fu possibile giocare direttamente dalla pagina iniziale del motore di ricerca.

UN PAC-MAN TUTTO DA INVENTARE

Dal primo aprile accedendo alla piattaforma Maps è disponibile questa insolita funzionalità: premendo l’icona “inserisci gettone” in basso a sinistra verrete catapultati nell’universo bidimensionale creato da Tohru Iwatani che ha fatto divertire milioni di giocatori a partire dagli anni ’80.  Avrete la possibilità di avviare una partita all’interno di tutte le città del mondo: l’unico requisito è che ci siano strade a sufficienza nell’area selezionata ma per il resto… largo alla fantasia! Sarete voi i veri editor delle mappe semplicemente inquadrando l’area che più vi aggrada. Attenzione, però! I cattivi sono davvero agguerriti e il “fattore campo” non è da sottovalutare: incroci e rotatorie possono nascondere insidie e la vittoria non è mai scontata!

COME FUNZIONA E IL SISTEMA DI PUNTEGGIO

Una volta avviato da computer o mobile Google Maps con Chrome, unico browser compatibile, inquadrate una parte della mappa, premete il pulsante e troverete ad aspettarvi i famosi spiritelli colorati e una simpatica versione femminile di Pac-Man. Lo scopo del gioco è il solito: con le 4 vite a disposizione il nostro personaggio deve mangiare tutto quello che incontra per ottenere punti che una volta terminata la partita indicheranno il livello di bravura del giocatore.
Il sistema di punteggio rispecchia quello ufficiale che riportiamo:
• Ogni pallina ingerita vale 10 punti. Nella versione arcade sono 240 ma per quanto riguarda la partita su Google il numero di palline varia in base a lunghezza e densità di strade che la vostra porzione di mappa contiene.
• Ogni power pill vale 50 punti. Anche in questo caso il numero dipende dalle particolarità della mappa (massimo 4).
• Ci sono 4 fantasmi nella mappa e ognuno vale 200 punti se mangiato singolarmente. Mangiarli in serie comporta l’ottenimento di un bonus che raddoppia di volta in volta i punti acquisiti: 200, 400, 800 e 1600.

Infine, i frutti valgono:
• Ciliegia, 100 punti
• Fragola, 300 punti
• Arancia, 500 punti
• Mela, 700 punti
• Uva, 1000 punti
• La Flagship di Galaxian, 2000 punti
• Campana, 3000 punti
• Chiave, 5000 punti

Accumulate punti e sfidate i vostri amici: potrete condividere il risultato su Google +, Facebook o Twitter.
Pubblicato come pesce d’aprile, Pac-Man potrebbe abbandonare presto questa variante fantasiosa per ritornare nel ricordo delle sue gloriose origini e questo di sicuro sarà un motivo in più per attirare i nostalgici e un’occasione imperdibile per chi si avvicina per la prima volta a questo titolo storico. Per chi volesse continuare a giocare anche in futuro,  sono disponibili online alcune versioni fedeli all'originale.

CURIOSITÀ

Per gli appassionati, 256 non è un numero qualunque. Ad esso è legata una vera e propria leggenda. corrisponde al “perfect score”, ovvero al massimo punteggio ottenibile di 3 333 360. Poche persone sono riuscite a raggiungerlo poiché è necessario mangiare tutti i frutti e i fantasmi e raccogliere tutti i bonus di ogni singolo livello fino al duecentocinquantaseiesimo. Insomma, non si deve lasciare nulla al caso e giocare una partita impeccabile. Oltre a questo punto nella versione arcade era impossibile avanzare a causa di un bug insito nel codice di programmazione.

Google avrà deciso di onorare la leggenda limitando i livelli a 256 oppure avrà infranto questa barriera? A voi il piacere di scoprirlo ma… fate in fretta!

 

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento