Citazione

"Non è per premere dei tasti che una persona gioca, ma per decidere se e quando vale la pena premerli, se e che significato attribuire tali azioni svolte da tali tasti"
Cit. DadoBax

Playstation Now

Consiglialo ai tuoi amici!

 

Siete nel momento clou del vostro gioco preferito quando arriva qualcuno che rivendica il proprio diritto ad usare la televisione: dovete decidere se barricarvi nella stanza oppure rimandare a un altro momento la sfida contro il boss di fine livello. E se esistesse una terza possibilità? Magari alzandovi dal divano potreste accendere il computer o la vostra consolle portatile per ritrovare il vostro personaggio esattamente dove l’avevate lasciato e finalmente togliervi lo sfizio di completare il livello. La tecnologia per garantire una esperienza di gioco simile esiste già da anni ma è ancora sconosciuta ai più: si tratta di Playstation Now.

Una piccola premessa prima di cominciare: se siete fedeli player di Xbox o Nintendo sono spiacente ma l’unica chance per voi rimane la barricata di cuscini, coperte e magari anche un bell’armadio robusto perché stiamo parlando di un ecosistema proprietario di casa Sony.

Playstation Now è una piattaforma di streaming per videogames annunciata nel Gennaio 2014, che permette la fruizione di oltre 400 titoli tra cui oltre 100 esclusive in costante aggiornamento mensile su Playstation 4, PsVita e PC (Sony sta valutando l'arrivo anche per Macbook).

COME FUNZIONA?

Collegandosi al sito è possibile scaricare il programma per Pc. Per gli utenti Ps4 e PsVita è sufficiente collegarsi al Playstation store ed effettuare il download.
Il servizio è a pagamento ma offre un trial di 7 giorni, successivamente:

• 9,99 dollari per il primo mese
• 19,99 dollari dal secondo mese in avanti
• 45 dollari l’abbonamento trimestrale
• 99 dollari l’abbonamento annuale

Una volta avviato, davanti a voi si staglierà il Netflix dei videogames: avrete solo l’imbarazzo della scelta.

Playstation Now offre una vastissima gamma di videogame di Ps3 comprendenti grandi titoli come the last of us, beyond two souls, Borderlands Assassin’s creed e molti altri. In futuro è previsto anche l’arrivo di titoli Ps4. Il punto di forza? Per giocare non sprecherete nemmeno un MB del vostro prezioso hard disk perché l’intera esperienza videoludica si svolgerà su appositi server di Sony. A voi i requisiti di sistema per PC:

REQUISITI MINIMI:

• Windows 7 (SP 1), 8.1 o 10
• Core i3 2.0 GHz
• 300 MB di storage disponibile
• 2 GB di RAM
• Scheda audio; porta USB
• Controller di terze parti (Sony non garantisce tuttavia la piena compatibilità)

REQUISITI PER MIGLIORI PRESTAZIONI:

• Windows 7 (SP 1), 8.1 o 10
• 3.5 GHz Intel Core i3 o 3.8 GHz AMD A10 o più veloci
• 300 MB o più di storage disponibile
• 2 GB o più di RAM
• Scheda audio; Porta USB
• Controller Dualshock 4

Come potete constatare è possibile usufruire di playstation now anche senza un computer da gaming.
Il controller predefinito è il dualshock 4, utilizzabile via cavo USB oppure wifi acquistando il dongle ufficiale.

Il tasto dolente, soprattutto per noi italiani, è ovviamente il cuore di questa piattaforma: la connessione internet. In questo caso, però, “mamma Sony” ha deciso di venirci incontro garantendo dei requisiti minimi raggiungibili anche dalla maggior parte degli utenti sprovvisti di fibra.

REQUISITI MINIMI DI CONNESSIONE: 5 Mb al secondo in Download
REQUISITI PER PRESTAZIONI OTTIMALI: 12 Mb al secondo in Download

USER EXPERIENCE

In rete sono presenti video comparison tra il gioco avviato nativamente da disco su ps3 e lo stream via Playstation Now su Pc, Ps4 o PsVita o sulle tv compatibili di ultima generazione. Vi risparmio la ricerca riassumendo qui sotto le considerazioni che ho raccolto e potuto analizzare.
Se la vostra connessione rispecchia i requisiti non vedrete nemmeno l’ombra di lag, problemi di connessione o latenze del controller: i giochi girano in modo estremamente fluido e ci si dimentica rapidamente di essere in streaming. A livello di immagine, la qualità è pressoché identica (c’è una corrispondenza 1:1 sulla risoluzione) se non per il fatto che i colori via streaming risultano leggermente più chiari. A livello sonoro playstation now offre ragionevolmente un audio compresso in formato Mp3: sentirete la differenza solo se avete un orecchio ben allenato e un ottimo impianto o cuffie hi-fi ma questo non comprometterà minimamente la gradevolezza della user experience.
Se siete amanti del recording è doveroso segnalare che questa funzione sarà possibile solamente su Pc.

NAVIGAZIONE NELLA APPLICAZIONE

L’interfaccia è intuitiva e fluida e attraverso un semplice comando è possibile passare dal controllo con il mouse a quello mediante Dualshock 4. Inoltre, premendo il tasto playstation è possibile aprire il menu XMB, familiare a chiunque abbia avuto una ps3, attraverso il quale si possono visualizzare e sincronizzare i trofei e molto altro.
Una volta selezionato il nostro gioco ci verrà presentata una schermata contenente le informazioni principali sulla trama e sugli sviluppatori, avviandolo verremo catapultati nel giro di 1-2 minuti all’interno della nostra partita.

 

CONSIDERAZIONI FINALI

Come avrete notato ho inserito i prezzi degli abbonamenti in dollari, purtroppo non a caso. Playstation now attualmente è disponibile in America e in alcuni stati europei ma non in Italia. Il motivo di questa scelta non è stato ufficializzato ma si può facilmente immaginare: negli ultimi ranking europei l’Italia si è classificata 26esima su 27 con una connessione media di 8 Mb/s. Classifica capitanata dalla Romania con oltre 50 Mb/s e seguita a ruota da Svezia con oltre 45 Mb/s. In quella mondiale portiamo a casa un misero 56esimo posto.
Sotto questo punto di vista L’Italia non è uno degli stati più appetibili in cui lanciare Playstation now, piattaforma 100% online.
Nell’attesa di sapere quali piani ha Sony per il nostro paese, analizziamo insieme i pregi e i difetti emersi in questi 3 anni dal lancio.

Oltre al fatto che i vantaggi della mobilità di PsVita saranno vincolati al wifi più vicino, la critica più importante rivolta a Sony dagli utenti è sicuramente quella relativa al prezzo del servizio. Si risparmia molto con i pacchetti di abbonamento (trimestrale a 45$ invece che 60$, annuale a 99,99$ invece che 240$) ma ogni giocatore deve chiedersi:

1. Quanti giochi della lista sono effettivamente di suo interesse
2. Di quanti giochi usufruirebbe al mese con la sua media di ore di gioco.

Ipotizzando che a noi venga proposto un rapporto 1:1 con i prezzi americani si può sicuramente dire che per chi è poco interessato ai titoli Ps3 o per i videogiocatori occasionali Playstation now non sarà un’opzione economicamente vantaggiosa (anche visto il crollo di prezzi dei giochi ps3 su Amazon) mentre per i players più assidui varrà la pena valutare gli abbonamenti trimestrali e annuali.

Che voi spendiate più o meno ore con il controller in mano ci sarà un altro aspetto da prendere in considerazione. Se Sony, Xbox e Nintendo offrono già da anni la possibilità di acquisto di titoli digitali al fianco di quelli fisici, Playstation now vuole segnare una svolta storica: l’utente non sarà più proprietario dei titoli che userà. Sarà nel paese dei balocchi fino allo scoccare della mezzanotte dell’ultimo giorno di abbonamento. È l’inizio di una nuova era in cui la collezione dei cofanetti sullo scaffale, la lettura veloce del manuale di istruzioni per passare il tempo durante le installazioni e il profumo di “nuovo” alla prima apertura della confezione saranno solo un nostalgico ricordo.
D’altronde questo è il prezzo dell’innovazione, che cavalca inarrestabile stando sempre un passo al di là della nostra portata.

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento